Nella determinazione delle condizioni geotecniche di fondazione di infrastrutture lineari quali strade, ferrovie e oleodotti, il problema maggiore è quello di raggiungere un valido compromesso tra la quantità di indagini in campo e l’accuratezza della verifica richiesta: la società Geopartner utilizza l’indagine con metodo georadar (GPR) al fine di minimizzare la quantità di indagini dirette (es. perforazioni geognostiche).

leggi

Studiamo la variazione temporale della pericolosità sismica sia naturale che indotta principalmente in zone di coltivazione mineraria e in ambiti con notevole presenza di infrastrutture viarie e ferroviarie: effettuiamo misurazioni continue e analisi del livello delle vibrazioni sismiche mediante l’impiego di attrezzature sismiche wireless.

leggi

Grazie ai metodi di indagine di cui disponiamo e alla lunga esperienza acquisita nel campo (qualche migliaio di chilometri di profili georadar), siamo in grado di identificare con elevata precisione la struttura e le condizioni di opere idrauliche, tra cui dighe, sbarramenti, chiuse e argini di piena.

leggi

Relativamente al monitoraggio della contaminazione delle acque sotterranee, offriamo una vasta gamma di metodi geofisici, tra cui principalmente metodi geoelettrici e di conducibilità; tali metodi appartengono alla categoria di metodi geoelettrici di geofisica applicata: la loro caratteristica comune è la formazione di un imaging resistivo (ad es. interpretazione della conformazione geologica e rapporti tra acqua e mezzo poroso sulla base della distribuzione della conducibilità).

leggi

La localizzazione di cavità nel sottosuolo richiede l’utilizzo di metodi geofisici in cui le misure risentano delle variazioni di densità tra le masse rocciose. Le indagini microgravimetriche eseguite dalla società Geopartner consentono di rilevare la densità di varie morfologie strutturali nel sottosuolo, sia di tipo naturale che di origine antropica (ad es. cedimenti e formazione di cavità post-coltivazione mineraria). La precisione ottenuta dalla strumentazione di misurazione in nostro possesso ci consente di analizzare le variazioni temporali della forza di gravità e quindi l’andamento e la natura dei processi geodinamici.

leggi

Proponiamo l’utilizzo di un’ampia gamma di metodi geofisici per la ricerca di infrastrutture nel sottosuolo quali: georadar, conduttometria, magnetometria e VLF: tali tecniche consentono in modo inquivocabile l’individuazione e la localizzazione spaziale di cavi, tubazioni, serbatoi, fondazioni o altri oggetti non direttamente visibili dal piano campagna.

leggi

La caratteristica probabilmente più importante dei metodi di indagine geofisica è la non invasività; ciò li rende particolarmente adatti all’applicazione in ambito archeologico. I metodi geofisici consentono di effettuare analisi sia in 2D che 3D: ciò garantisce l’esatta localizzazione di oggetti di interesse archeologico quali cripte, frammenti di muri, elementi diagnostici della presenza umana. L’impiego di metodi geofisici in tale ambito di ricerca consente una consistente riduzione dei costi di intervento.

leggi

L’applicazione del metodo georadar mediante l’utilizzo di antenne ad alta frequenza consente di individuare modificazioni ed alterazioni del terreno in posto; la conseguente interpretazione dei profili GPR consente pertanto la localizzazione di eventuali zone di sepoltura. La società Geopartner collabora in tale ambito con le Pubbliche Amministrazioni allo scopo di individuare luoghi di sepoltura pre- e post-bellici (es. fosse comuni), nonché nel settore della criminalistica contemporanea.

leggi

Con l’ausilio di attrezzature geofisiche specialistiche, principalmente attraverso metodi di conducibilità e magnetometria, effettuiamo misurazioni finalizzate al rilevamento di materiali ferromagnetici (ordigni inesplosi) nel sottosuolo.

leggi